Ah, se non avessi nessun ricordo, pensavo correndo,
se non avessi un passato,
ma sono pieno di ricordi e il passato, prima o poi, ritorna.
Se ne va, sembra che se ne sia andato per sempre e poi,
quando meno te l’aspetti, in una forma che non ti aspettavi,
in un modo che non ti saresti mai aspettato, ritorna.
Ma un passato che ritorna, pensavo,
è un passato che non se n’è mai veramente andato.
E come potrebbe andarsene, pensavo ancora,
se lo porto tutto dentro di me,
chiuso bene ermeticamente sotto vuoto
sigillato compresso accatastato allineato schierato
un ricordo in fila all’altro uno dopo l’altro
legato incatenato incollato cucito incitato
sovrapposto giustapposto stipato incasellato ordinato disordinato,
tutto, intero e fatto a pezzi, ben dentro di me?
Tutto ciò che ho visto, tutto ciò che ho sentito,
tutto quello che ho provato,
tutte le persone che ho conosciuto e che magari ho anche amato,
tutti i lavori che ho fatto, e le cose che ho imparato a scuola,
tutto quello che ho creduto di aver dimenticato e non ho dimenticato,
perché niente, purtroppo, va perduto.

Vitaliano Trevisan
“Un mondo meraviglioso”

 

cinderella [qui metti la chiocciolina] cartoni .it
torna alla home

mappa del sito