La notte è più bello, si vive meglio, per chi fino alle 5 non conosce sbadiglio, e la città
riprende fiato e sembra che dorma, e il buio la trasforma e le cambia forma e tutto è più
tranquillo, tutto è vicino, e non esiste traffico e non c'è casino, almeno quello brutto,
quello che stressa, la gente della notte sempre la stessa, ci si conosce tutti come in un paese,
sempre le stesse facce mese dopo mese e il giorno cambia leggi e cambia governi e
passano le estati e passano gli inverni, la gente della notte sopravvive
sempre nascosta nei locali confusa tra le ombre.

La gente della notte fa lavori strani, certi nascono oggi e finiscono domani, baristi,
spacciatori, puttane e giornalai, poliziotti, travestiti gente in cerca di guai, padroni di locali,
spogliarelliste, camionisti, metronotte, ladri e giornalisti, fornai e pasticceri, fotomodelle,
di notte le ragazze sembrano tutte belle, e a volte becchi una, in discoteca,
la rivedi la mattina e ti sembra una strega, la notte fa il suo gioco e serve anche a quello
a far sembrare tutto, tutto un po' più bello.

Parlare in una macchina davanti a un portone e alle quattro e mezzo fare colazione
con i cornetti caldi e il caffelatte e quando sorge il sole dire "buonanotte" e leggere il giornale
prima di tutti, sapere in anteprima tutti i fatti belli e brutti, di notte le parole scorrono
più lente però è molto più facile parlare con la gente, conoscere le storie, ognuna originale,
sapere che nel mondo nessuno è normale.
Ognuno avrà qualcosa che ti potrà insegnare, gente molto diversa di ogni colore.

A me piace la notte gli voglio bene e vedo tante albe e pochissime mattine,
la notte mi ha adottato e mi ha dato un lavoro che mi piace un sacco anzi io l'adoro.
Mi chiamo Jovanotti, faccio il deejay e non vado mai a dormire prima delle sei.

Roma, 10 novembre 2005
Palalottomatica


 

cinderella [qui metti la chiocciolina] cartoni .it
torna alla home

mappa del sito