Io sono innamorato di tutte le signore che mangiano le paste nelle confetterie.
Signore e signorine, le dita senza guanto, scelgon la pasta.
Quanto ritornano bambine!
Perché nïun le veda, volgon le spalle
in fretta, sollevan la veletta, divorano la preda.
Perché non m'è concesso, o legge inopportuna!
il farmivi da presso, baciarvi ad una ad una,
o belle bocche intatte di giovani signore,
baciarvi nel sapore di crema e cioccolatte?
Io sono innamorato di tutte le signore che mangiano le paste nelle confetterie.

Guido Gozzano
“Le golose”

cinderella [qui metti la chiocciolina] cartoni .it
torna alla home

mappa del sito