C'era una vorta un Re cche dar palazzo
Mannó a li popoli st'editto:
«Io so io, e vvoi nun zete un cazzo,
sori vassalli bbuggiaroni e zzitto.

Io fo dritto lo storto e storto er dritto:
Pò vénneve a ttutti a un tant'er ar mazzo:
Io si vve fo impiccá, nun ve strapazzo,
Ché la vita e la roba Io ve l'affitto.

Chi abbita a sto monno senza er titolo
O dde Papa, o dde Re, o dd'Imperatore,
Quello non poò avé mmai vosce in capitolo».

Co st'editto annò er boja pe curriero,
Interroganno tutti in zur tenore;
E arisposeno tutti: È vvero, è vvero.

Giuseppe Gioachino Belli
Li soprani der monno vecchio

cinderella [qui metti la chiocciolina] cartoni .it
torna alla home

mappa del sito