in un angolo del campo di concentramento,
a un passo da dove si innalzavano gli infami forni crematori,
nella ruvida superficie di una pietra,
qualcuno, chi?, aveva inciso con l'aiuto di un coltello forse
o di un chiodo, la più drammatica delle proteste:
“io sono stato qui e nessuno racconterà la mia storia”.

Luis Sepulveda
da Le rose di Atacama

cinderella [qui metti la chiocciolina] cartoni .it
torna alla home

mappa del sito